Guida all'esame 2019

Pubblicato 14 ott 2018 da Admin Stampa il Contenuto Crea file pdf del Contenuto

DOCUMENTAZIONE


AMMISSIONE

Sono ammessi all’Esame di Stato gli alunni che abbiano conseguito, nello scrutinio finale, una votazione non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina e in condotta.
I candidati esterni devono sostenere un esame preliminare per essere ammessi.

PROVE

L’Esame prevede due prove scritte e un colloquio.

La prima prova ha la finalità di accertare la padronanza della lingua italiana, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato. Consiste nella redazione di un elaborato con differenti tipologie testuali in ambito artistico, letterario, filosofico, scientifico, storico, sociale, economico e tecnologico.
La prova può essere strutturata in più parti, anche per consentire la verifica di competenze diverse, in particolare della comprensione degli aspetti linguistici, espressivi e logico-argomentativi, oltre che della riflessione critica da parte del candidato.

La seconda prova ha per oggetto una o più discipline caratterizzanti il corso di studi ed è intesa ad accertare le conoscenze, le abilità e le competenze attese dal profilo educativo, culturale e professionale dello specifico indirizzo di studi.

I testi relativi alla prima e alla seconda prova scritta sono scelti dal Ministero.

Anche il colloquio è finalizzato ad accertare il conseguimento del profilo educativo, culturale e professionale degli studenti.

VOTO FINALE

A conclusione dell’Esame di Stato viene assegnato a ciascun candidato un voto finale complessivo in centesimi, che è il risultato della somma dei punti attribuiti dalla Commissione d’esame alle prove scritte e al colloquio e dei punti del credito scolastico.

La Commissione d’esame dispone di un massimo di 20 punti per ciascuna delle due prove scritte e di 20 punti per il colloquio. Tali punteggi si sommano a quello del credito scolastico.
Ciascun candidato può far valere un credito scolastico massimo di 40 punti.
Punteggio massimo attribuibile per ciascuno degli anni considerati:
- 12 punti per il terzo anno
- 13 per il quarto anno
- 15 per il quinto anno

La Commissione d’esame può integrare il punteggio, fino ad un massimo di 5 punti, se il candidato ha ottenuto un credito scolastico di almeno 30 punti e un risultato complessivo nelle prove di esame di almeno 50 punti.
La Commissione, inoltre, può motivatamente attribuire la lode, con deliberazione unanime, a coloro che abbiano conseguito:
- il punteggio massimo di 100 punti senza fruire dell'integrazione del punteggio;
- il credito scolastico massimo con voto unanime del Consiglio di classe;
- il punteggio massimo previsto per ogni prova d'esame.